Uptravi - Determina n. 23/2021

Pubblicato da Gazzette Nessun commento

 

Classificazione del medicinale

Classificazione del medicinale per uso umano «Uptravi», ai sensi dell'art. 12, comma 5, della legge 8 novembre 2012, n. 189. (Determina n. 23/2021). (21A01339)

AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO
DETERMINA 1 marzo 2021  

(GU n.61 del 12-3-2021)
 
IL DIRIGENTE
dell'ufficio procedure centralizzate

Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n.
300;
Visto l'art. 48 del decreto legislativo 30 settembre 2003, n. 269,
convertito nella legge 24 novembre 2003, n. 326, che istituisce
l'Agenzia italiana del farmaco (AIFA);
Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537 e successive modificazioni
con particolare riferimento all'art. 8, comma 10, lettera c);
Visto il decreto del Ministro della salute di concerto con i
Ministri della funzione pubblica e dell'economia e finanze in data 20
settembre 2004, n. 245 recante norme sull'organizzazione ed il
funzionamento dell'AIFA, a norma del comma 13 dell'art. 48 sopra
citato, cosi' come modificato dal decreto n. 53 del Ministro della
salute, di concerto con i Ministri per la pubblica amministrazione e
la semplificazione e dell'economia e delle finanze, del 29 marzo 2012
recante: «Modifica al regolamento e funzionamento dell'AIFA in
attuazione dell'art. 17 , comma 10 del decreto-legge 6 luglio 2011,
n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n.
111;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante «Norme
generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche» e successive modificazioni ed
integrazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 726/2004 del Parlamento europeo e del
Consiglio del 31 marzo 2004, che istituisce procedure comunitarie per
l'autorizzazione e la vigilanza dei medicinali per uso umano e
veterinario e che istituisce l'Agenzia europea per i medicinali;
Visto il regolamento (CE) n. 1901/2006 del Parlamento europeo e del
Consiglio del 12 dicembre 2006 sui prodotti medicinali per uso
pediatrico, recante modifica del regolamento (CEE) n. 1768/92, della
direttiva 2001/20/CE e del regolamento (CE) n. 726/2004;
Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 142 del 21
giugno 2001, concernente l'attuazione della direttiva 2001/83/CE e
successive modificazioni, relativa ad un codice comunitario
concernente i medicinali per uso umano, nonche' della direttiva
2003/94/CE;
Visto il regolamento (CE) n. 1394/2007 del Parlamento europeo e del
Consiglio del 13 novembre 2007 sui medicinali per terapie avanzate,
recante modifica della direttiva 2001/83/CE e del regolamento (CE) n.
726/2004;
Visto il decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con
modificazioni dalla legge 8 novembre 2012 n. 189, recante
«Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante
un piu' alto livello di tutela della salute» ed, in particolare,
l'art. 12, comma 5;
Visto il regolamento di organizzazione, del funzionamento e
dell'ordinamento del personale e la nuova dotazione organica,
definitivamente adottati dal consiglio di amministrazione dell'AIFA,
rispettivamente, con deliberazione 8 aprile 2016, n. 12, e con
deliberazione 3 febbraio 2016, n. 6, approvate ai sensi dell'art. 22
del decreto 20 settembre 2004, n. 245, del Ministro della salute di
concerto con il Ministro della funzione pubblica e il Ministro
dell'economia e delle finanze, della cui pubblicazione sul proprio
sito istituzionale e' stato dato avviso nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana - Serie generale - n. 140 del 17 giugno
2016;
Vista la determina direttoriale n. DG/203/2018 del 7 febbraio 2018
con la quale, ai sensi dell'art. 19, comma 5 del decreto legislativo
n. 165/2001, e' stato conferito l'incarico di direzione dell'Ufficio
procedure centralizzate alla dott.ssa Giuseppa Pistritto;
Visto il decreto del Ministro della salute del 15 gennaio 2020, con
cui il dott. Nicola Magrini e' stato nominato direttore generale
dell'AIFA e il relativo contratto individuale di lavoro sottoscritto
in data 2 marzo 2020 e con decorrenza in pari data;
Vista la determina direttoriale n. 257/2020 del 13 marzo 2020,
recante: «Conferma dei provvedimenti di delega» per la adozione di
provvedimenti di classificazione dei medicinali per uso umano,
approvati con procedura centralizzata, ai sensi dell'art. 12, comma
5, della legge 8 novembre 2012, n. 189», gia' conferita alla dott.ssa
Giuseppa Pistritto al fine di assicurare la continuita' e l'efficacia
dell'azione amministrativa dell'Agenzia;
Vista la Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea del 29 gennaio 2021
che riporta la sintesi delle decisioni dell'Unione europea relative
all'autorizzazione all'immissione in commercio di medicinali dal 1°
dicembre al 31 dicembre 2020 e riporta l'insieme dei nuovi farmaci e
nuove confezioni registrate;
Vista la lettera dell'Ufficio misure di gestione del rischio (ex
Ufficio farmacovigilanza) del 13 luglio 2016 protocollo FV/72724/P e
successivi aggiornamenti: ufficio MGR 10023/P del 28 gennaio 2020,
MGR/28510/P del 9 marzo 2020, MGR/47670/P del 28 aprile 2020, con le
quali e' stato autorizzato il materiale educazionale del prodotto
medicinale «Uptravi» (selexipag);
Visto il parere sul regime di classificazione ai fini della
fornitura espresso, su proposta dell'Ufficio procedure centralizzate,
dalla Commissione tecnico-scientifica (CTS) di AIFA in data 10-11-12
febbraio 2021;

Determina:

La nuova confezione del seguente medicinale per uso umano di nuova
autorizzazione, corredata di numero di A.I.C. e classificazione ai
fini della fornitura:
UPTRAVI
descritta in dettaglio nell'allegato, che fa parte integrante del
presente provvedimento, e' collocata in apposita sezione della classe
di cui all'art. 12, comma 5 della legge 8 novembre 2012 n. 189,
denominata classe C (nn), dedicata ai farmaci non ancora valutati ai
fini della rimborsabilita'.
Il titolare dell'A.I.C., prima dell'inizio della
commercializzazione deve avere ottemperato, ove previsto, alle
condizioni o limitazioni per quanto riguarda l'uso sicuro ed efficace
del medicinale e deve comunicare all'AIFA - settore HTA ed economia
del farmaco - il prezzo ex factory, il prezzo al pubblico e la data
di inizio della commercializzazione del medicinale.
Per i medicinali di cui al comma 3 dell'art. 12 del decreto-legge
n. 158/2012, convertito dalla legge n. 189/2012, la collocazione
nella classe C(nn) di cui alla presente determina viene meno
automaticamente in caso di mancata presentazione della domanda di
classificazione in fascia di rimborsabilita' entro il termine di
trenta giorni dal sollecito inviato dall'AIFA ai sensi dell'art. 12,
comma 5-ter, del decreto-legge n. 158/2012, convertito dalla legge n.
189/2012, con la conseguenza che il medicinale non potra' essere
ulteriormente commercializzato.
La presente delibera entra in vigore il giorno successivo alla sua
pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Roma, 1° marzo 2021

Il dirigente: Pistritto

Allegato
Inserimento, in accordo all'art. 12, comma 5 della legge n.
189/2012, in apposita sezione (denominata classe C (nn)) dedicata ai
farmaci non ancora valutati ai fini della rimborsabilita' nelle more
della presentazione da parte dell'azienda interessata di un'eventuale
domanda di diversa classificazione. Le informazioni riportate
costituiscono un estratto degli allegati alle decisioni della
Commissione europea relative all'autorizzazione all'immissione in
commercio dei farmaci. Si rimanda quindi alla versione integrale di
tali documenti.
Nuove confezioni.
UPTRAVI.
Codice ATC - principio attivo: B01AC27 - Selexipag.
Titolare: Janssen-Cilag International N.V.
Cod. procedura EMEA/H/C/003774/II/0029.
GUUE 29 gennaio 2021.
Indicazioni terapeutiche.
«Uptravi» e' indicato per il trattamento a lungo termine
dell'ipertensione arteriosa polmonare (IAP) in pazienti adulti in
classe funzionale (FC) WHO II e III, sia come terapia di combinazione
nei pazienti controllati in maniera insufficiente con un antagonista
recettoriale dell'endotelina (ERA) e/o un inibitore della
fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE-5), che in monoterapia nei pazienti
che non sono candidabili a tali terapie.
L'efficacia e' stata dimostrata in una popolazione di pazienti
con IAP comprendente l'IAP idiopatica ed ereditaria, l'IAP associata
a malattie del tessuto connettivo e l'IAP associata a cardiopatie
congenite semplici corrette (vedere paragrafo 5.1).
Modo di somministrazione.
Il trattamento deve essere iniziato e monitorato solo da un
medico che ha esperienza nel trattamento della IAP.
Uso orale.
Le compresse rivestite con film vanno assunte per via orale la
mattina e la sera. Per una migliore tollerabilita', si raccomanda di
assumere «Uptravi» con il cibo e, all'inizio di ogni fase di
titolazione a incrementi progressivi, di assumere la prima dose la
sera.
Le compresse non devono essere divise, frantumate o masticate e
vanno ingerite con acqua.
I pazienti non vedenti o che hanno problemi di vista devono
essere istruiti ad avere sempre assistenza di un'altra persona
durante l'assunzione di «Uptravi» nel periodo di titolazione.
Confezioni autorizzate:
EU/1/15/1083/011 - A.I.C. n. 044887115/E in base 32: 1BTV2C -
200 mcg - compressa rivestita con film - uso orale - blister
(PA/ALU/HDPE/PE/ALU) - 60 compresse (confezione per la titolazione).
Altre condizioni e requisiti dell'autorizzazione all'immissione in
commercio.
Rapporti periodici di aggiornamento sulla sicurezza (PSUR): i
requisiti per la presentazione dei Rapporti periodici di
aggiornamento sulla sicurezza per questo medicinale sono definiti
nell'elenco delle date di riferimento per l'Unione europea (elenco
EURD) di cui all'art. 107c, par. 7 della direttiva 2001/83/CE e
aggiornamenti successivi pubblicato sul sito web dei medicinali
europei.
Condizioni o limitazioni per quanto riguarda l'uso sicuro ed efficace
del medicinale.
Piano di gestione del rischio (RMP): il titolare
dell'autorizzazione all'immissione in commercio deve effettuare le
attivita' e gli interventi di farmacovigilanza richiesti e
dettagliati nel RMP concordato e presentato nel modulo 1.8.2
dell'autorizzazione all'immissione in commercio e qualsiasi
successivo aggiornamento concordato del RMP.
Il RMP aggiornato deve essere presentato:
su richiesta dell'Agenzia europea dei medicinali;
ogni volta che il sistema di gestione del rischio e'
modificato, in particolare a seguito del ricevimento di nuove
informazioni che possono portare a un cambiamento significativo del
profilo beneficio/rischio o a seguito del raggiungimento di un
importante obiettivo (di farmacovigilanza o di minimizzazione del
rischio).
Misure aggiuntive di minimizzazione del rischio.
Prima della commercializzazione di «Uptravi» in ciascun Stato
Membro, il titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio
deve concordare con l'Autorita' nazionale competente il contenuto ed
il formato del Sistema controllato di accesso al farmaco.
Il Sistema controllato di accesso al farmaco ha lo scopo di
facilitare l'identificazione dei prescrittori, al fine di garantire
loro le adeguate informazioni relative a l'uso sicuro ed efficace di
«Uptravi», e di fornire gli strumenti di minimizzazione del rischio,
soprattutto per quanto concerne il potenziale rischio di errore
terapeutico. Il Sistema controllato di accesso deve includere tre
principi fondamentali che saranno recepiti all'interno del sistema di
ogni Stato Membro. Questi sono:
creazione ed aggiornamento di una lista con tutti i
prescrittori di «Upravi»;
distribuzione dei kit a tutti i prescrittori individuati al
fine di minimizzare soprattutto il potenziale rischio di errore
terapeutico;
controllo della ricezione dei kit da parte dei prescrittori.
Il titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio deve
assicurare che, in ogni Stato Membro, dove «Uptravi» e'
commercializzato, tutti gli operatori sanitari che intendano
prescrivere e/o dispensare «Uptravi» siano provvisti del kit di
prescrizione che contenga il seguente materiale:
il riassunto delle caratteristiche del prodotto di «Uptravi»;
lettera di presentazione agli operatori sanitari;
guida alla titolazione per gli operatori sanitari su una
tessera plastificata formato A4;
guida alla titolazione per il paziente;
foglio illustrativo per il paziente.
La lettera di presentazione agli operatori sanitari deve
evidenziare che lo scopo del materiale informativo e' di ridurre il
rischio di errore terapeutico dovuto alla disponibilita' di
molteplici compresse e dosi diverse, e deve fornire una lista dei
contenuti del kit di prescrizione.
La guida all'aumento graduale della dose (titolazione) per gli
operatori sanitari su tessera plastificata formato A4 e' finalizzata
a ridurre il rischio di errore terapeutico dovuto alla titolazione di
«Uptravi» nella fase iniziale di trattamento e deve contenere i
seguenti elementi fondamentali:
concetto di dose e titolazione;
passaggio alla dose di mantenimento (fase di titolazione);
attesa e gestione delle reazioni avverse durante la fase di
titolazione;
incoraggiamento e guida per gli operatori sanitari per
comunicare chiaramente con il paziente durante la prima visita, cosi'
come ad assumere la responsabilita' di contattare il paziente durante
la fase di titolazione, facilitandola comunicazione tra operatore
sanitario e paziente (necessita' del contatto e programmazione di una
serie di contatti telefonici).
La guida alla titolazione per il paziente, utilizzata dagli
operatori sanitari durante gli incontri con il paziente, deve
contenere i seguenti elementi fondamentali:
una versione facilmente comprensibile ai pazienti della guida
alla titolazione per gli operatori sanitari su tessera plastificata
formato A4;
un diario che faciliti l'utilizzo di «Uptravi» e serva da
promemoria per il paziente (es. contatti del medico) e registro per
annotare le compresse prese;
informazioni riguardo l'uso sicuro ed efficace di «Uptravi» in
un linguaggio facilmente comprensibile ai pazienti.
La guida alla titolazione per il paziente unitamente al foglio
illustrativo paziente dovranno essere forniti al paziente al termine
della loro presentazione. I pazienti riceveranno una guida alla
titolazione e foglio illustrativo identici anche nelle confezioni di
titolazione di «Uptravi».
Regime di fornitura: medicinale soggetto a prescrizione medica
limitativa, vendibile al pubblico su prescrizione di centri
ospedalieri o di specialisti: cardiologo, pneumologo, reumatologo
(RRL).

 

Ricerca rapida : Cerca con le categorie Classificazione o con i tag Uptravi, B01AC27 - Selexipag, Selexipag, classificazione, uso umano

 

Ultimi articoli

  • Nurofen - determina IP n. 201 del 1/03/2021
  • Nizoral - determina IP n. 192 del 1/03/2021
  • Tobradex - determina IP n. 200 del 1/03/2021
  • Fexallegra - determina IP n. 196del 01/03/2021
  • Levetiracetam Aristo - determina n. 319/2021 del 17/03/2021